image-164
LogoWeb1
image-335
fb
yt

 info@solidaria.org        Numero verde: 800 864 863

image-582

2004-2020

16 anni di solidarietà

2004 - 2020

16 anni di solidarietà

I diritti dell' infanzia

CC Banca CARIGE

IBAN  IT35 M06175 01406 000001672280

int. Solidaria, Associazione per la Solidarietà e lo Sviluppo

 

CC Postale n. 85818243

int. Solidaria, Associazione per la Solidarietà e lo Sviluppo

image-633

Via T. Molteni, 2/1 B - 16151 GENOVA

C. F. 95075990101

Tel. +39 010 8602531

Fax +39 010 8602966

info@solidaria.org

SITEMAP

HOME

 

 

CHI SIAMO

report attività

contatti

COME LAVORIAMO

dove lavoriamo

sostegno a distanza

COSA PUOI FARE

sostegno a distanza

donazione

5 x mille

ACQUA VITA

La Convenzione sui diritti dell'infanzia

 

Privacy & Cookies  Policy

Dal 1989, la Convenzione è divenuta il trattato in materia di diritti umani con il più alto numero di ratifiche: oggi sono 196 gli Stati che si sono impegnati nel rispetto dei diritti in essa riconosciuti.

 

Il documento è stato costruito armonizzando differenti esperienze culturali e giuridiche, dopo quasi un decennio di lavori preparatori. La Convenzione rappresenta un testo giuridico di eccezionale importanza poiché riconosce, in forma coerente, tutti i bambini e tutte le bambine del mondo come titolari di diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici.

 

È composta di 54 articoli e da tre Protocolli opzionali, concernenti i bambini in guerra, lo sfruttamento sessuale e le procedure di reclamo (che consente anche ai minorenni –  individualmente o in gruppo – di sollevare reclami relativi a specifiche violazioni dei propri diritti).

Il testo è ripartito in tre parti, la prima contiene l’enunciazione dei diritti (artt. 1-41), la seconda individua gli organismi preposti e le modalità per il miglioramento e il monitoraggio della Convenzione (artt. 42-45), mentre la terza descrive la procedura di ratifica (artt. 46-54).

 

 

Il Comitato Onu ha individuato quattro principi generali e fondamentali per offrire garanzie minime a tutela dell’infanzia e in grado di fornire un orientamento ai governi per l’attuazione della Convenzione.

 

1. Il diritto alla parità di trattamento
Nessun bambino deve essere discriminato a causa del sesso, dell’origine, della cittadinanza, della lingua, della religione, del colore della pelle, di una disabilità o delle sue opinioni politiche.

 

2. Il diritto alla salvaguardia del benessere
Quando occorre prendere decisioni che possono avere ripercussioni sull’infanzia, il benessere dei bambini è prioritario. Ciò vale in seno a una famiglia tanto quanto a livello statale.

 

3. Il diritto alla vita e allo sviluppo
Ogni bambino deve avere accesso all’assistenza medica, poter andare a scuola, ed essere protetto da abusi e sfruttamento.

 

4. Il diritto all’ascolto e alla partecipazione
Tutti i bambini, in quanto persone a pieno titolo, devono essere presi sul serio e rispettati. Ciò significa anche informarli in modo conforme alla loro età e coinvolgerli nelle decisioni.

La Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza (Convention on the Rights of the Child - CRC) è stata adottata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. È un documento molto importante perché riconosce, per la prima volta espressamente, che anche i bambini, le bambine e gli adolescenti sono titolari di diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici, che devono essere promossi e tutelati da parte di tutti. Dal 1989 ad oggi tutti i Paesi del mondo, tranne gli Stati Uniti, si sono impegnati a rispettare e a far rispettare sul proprio territorio i principi generali e i diritti fondamentali in essa contenuti. L'Italia l'ha ratificata con Legge n. 176 del 27 maggio 1991.

Leggi la Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza del 1989

MangaClipped-1

IL TUO AIUTO È VITA

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder